Per i ragazzi dagli 8 anni in su che non si accontentano della tivù !

2 ottobre…

darwin-giovanecharles-darwin

1836 Charles Darwin (eccolo nella foto da giovane e da vecchio) torna a Falmouth, in Inghilterra, a bordo della HMS Beagle dopo un viaggio durato 5 anni in cui ha raccolto tutti i dati che userà in seguito per sviluppare la sua teoria dell’evoluzione. Pensate che aveva solo 22 anni quando è partito per fare il giro del mondo. Rientra a casa che ne ha 27,  con molti taccuini pieni di appunti, casse colme di pietre, piante e scheletri animali, e molte idee originali in testa.
Per saperne di più. Ecco cosa dice l’Enciclopedia Treccani dei ragazzi: “Mettendo assieme le sue rigorose osservazioni Darwin arrivò alla conclusione che tutti gli esseri viventi, uomo compreso, sono sottoposti, nel succedersi delle generazioni, a lenti ma continui cambiamenti, chiamati evoluzione. Oggi sappiamo che questi cambiamenti originano da piccole modificazioni spontanee del DNA (note come mutazioni) non ereditate dai genitori, ma trasferite ai figli. L’ambiente seleziona (selezione naturale) gli individui che, a seguito di queste mutazioni, risultano più adatti alla sopravvivenza e alla riproduzione; il cambiamento, impercettibile nel corso di una generazione, è evidente nei millenni della storia della vita sulla Terra. Tutti gli esseri viventi, inoltre, hanno avuto una comune origine da organismi primordiali, da cui sono derivati attraverso un lento processo di specializzazione.

Dopo molti anni, nel 1859, Darwin espose questa sua rivoluzionaria ipotesi scientifica nel libro L’origine delle specie ad opera della selezione naturale, ossia il mantenimento delle razze avvantaggiate nella lotta per la vita. 

0 commenti… add one

Scrivi cosa ne pensi

*

Post Precedente:

Post Successivo: