Madonnina

La Madonnina scende dal Duomo di Milano

MadonninaMILANO – La Madonnina scende nella navata sinistra del Duomo di Milano per essere ammirata per sei mesi e aiutare il suo restauro. Ha aperto nella cattedrale “La Madonnina. Origine e storia di un simbolo”, la prima esposizione interamente dedicata alla protettrice della città e voluta dalla Veneranda Fabbrica 137 anni dopo la collocazione della statua sulla guglia maggiore, nel dicembre 1774.

In mostra fino al 14 giugno, vicino al fonte battesimale, ci sono le opere che ne costituiscono la storia e la struttura: il busto originario in noce intagliato nel 1769 da Giuseppe Antignati, unica parte rimasta del modello ligneo della statua usato per dare forma a 33 lamine di rame dorato, l’alabarda in rame sbalzato e dorato, originario complemento della statua usato per nascondere il parafulmine e trapassata da una saetta durante un violento temporale nel 1967, e infine l’intelaiatura interna, sostegno originale della stutua, sostituita alla fine degli anni Sessanta da una struttura identica in acciaio inossidabile sulla quale sono rimontate le lastre di rame restaurate e ridorate con 6,750 foglie d’oro. La Madonnina, alta 4,16 metri, è posta sulla guglia maggiore ad un’altezza di 108,5 metri.

Proprio a sostenere la prosecuzione del restauro della guglia che sostiene la Madonnina sarà destinato il ricavato degli ingressi alla mostra, da 3 euro oppure 5 euro con una speciale serigrafia artigianale del volto della Madonnina.

Lascia un commento

*