Male la prima della Baby Italia

Scritto da Giacomo

Un’Italia giovane quella di scena a Sofia nella prima partita delle qualificazioni ai mondiali di Rio 2014, ma che esprime un gioco senza idee e ben poco esaltante. Non basta un super Pablo Daniel Osvaldo a portare la vittoria a casa come non basta alla Bulgaria una disastrosa difesa azzurra.

Partita neanche iniziata e subito un cattivo inizio con i fischi di parte degli 8000 spettatori accorsi a Sofia sulle note di Mameli. Cattivo inizio dell’ Italia, per 7/11 bianconera, che non riesce a reggere l’altissimo ritmo della Bulgaria. I primi segnali di allarme sono gli svarioni di Bonucci e le poche palle giocate dal “pianista” Andrea Pirlo.

Al 24′ Buffon è bravissimo a parare un gran colpo di testa del difensore bulgaro Ivanov. Ma al trentesimo, è proprio il caso di dirlo, una “buffonata ” del numero 1 azzurro, che arriva in ritardo sul tiro dalla distanza di Manolev. Rimbalzo a ridosso dell’area di porta, Buffon sorpreso e palla all’angolo della porta: è 0-1.

Non tarda la reazione azzurra, anche se piuttosto confusa e rocambolesca, ma su una manovra offensiva è l’oriundo Osvaldo a trovare la parità con un diagonale sinistro da distanza ravvicinata che si insacca nella porta.E’ 1-1. Quattro minuti dopo, al 40′ cross di Giaccherini dalla sinistra e gol di testa di Osvaldo. Il portiere bulgaro ingannato dalla deviazione di Ivanov. Si va negli spogliatoi sul 2-1 Italia. Mihaylov (portiere bulgaro) è bravo a dire di no a Giovinco su un tiro ravvicinato dell’attacante. Prandelli cambia inspiegabilmente modulo .Esce Giaccherini, dentro Diamanti. Dal 3-5-2 al 4-3-1-2.

Al 21′ gol del pareggio bulgaro in una azione rocambolesca in cui Milanov batte Buffon dopo un cross di Mizanski. Esce Ogbonna, entra Peluso. Esce Giovinco, entra Destro. Ma il risultato non cambia nonostante l’ex Siena si divori un’occasione davanti al bulgaro. De rossi ci lascia in dieci per infortunio e fatichiamo tanto per pareggiare.

5 commenti su “Male la prima della Baby Italia

    • Hai ragione, c’è stato un errore… Ci segui con molta attenzione. Bene!!! Attendiamo il prossimo articolo
      Il mio primo Quotidiano

Lascia un commento

*