Per i ragazzi dagli 8 anni in su che non si accontentano della tivù !

Quando avevo la tua età: Andrea Bocelli

bocelli

La bellissima voce di Andrea Bocelli ha inaugurato in piazza Duomo a Milano Expo. Qualche tempo gli avevamo fatto un’intervista della serie “Quando avevo la sua età“. Volete sapere cosa ci aveva risposto?

di Jessica Nardini

Come trascorrevi le vacanze da bambino a 10, 12  anni?
“Devo ammettere di essere stato un ragazzino particolarmente vivace. Vivevo in campagna, quindi mi appassionavo a  tutte quelle attività che sono favorite dall’ambiente: mi piacevano gli animali; i cavalli e i cani in modo particolare, ma trovavo il tempo per fare estenuanti pedalate, per le ripide e curvose strade della mia bella campagna”.

Hai due figli. Che differenze ci sono con le loro vacanze?

“I ragazzi di oggi si divertono in modo, sicuramente diverso da quello dei loro genitori: il computer ha preso il posto di tante altre attività che si  praticavano all’aria aperta. Nella sostanza, però, il principio assimilato in seno alla mia famiglia è rimasto intatto ed è rispettato anche dai miei due figli i quali sanno a memoria, che prima viene il dovere, poi il piacere. I ragazzi di oggi hanno, in generale, molte possibilità in più rispetto alle generazioni che li hanno preceduti. Tocca a loro applicarsi per mettere a frutto, tutto ciò che viene loro offerto, dalla famiglia e da una società sempre più dinamica e carica di stimoli”.

Facevi i compiti delle vacanze?
“Una delle prime cose che ho imparato dai miei genitori, è che, prima viene  il dovere, poi il piacere. I compiti rappresentavano dunque il mio dovere e 
dovevano essere fatti prima di poter pensare alle distrazioni e ai giochi. 
All’epoca non ero molto contento di questa rigidità, ma col tempo mi sono 
reso conto di quanto bene mi abbia procurato”.





Siamo quasi a fine agosto. Come vivevi il rientro a scuola?
“Nel periodo dei miei anni verdi frequentavo la scuola in un collegio, 
lontano da casa. La fine delle vacanze rappresentava per me la separazione 
dalla famiglia, dagli amici, dalla mia terra ed era per questo, molto 
triste”.

1 commento… add one
  • E molto interessante e a ragione noi bambini siamo troppo su i giochi elettronici ! Ma è vero tutto quello che dice su i bambini ecc.. Ma dobbiamo ricordare che sono i adulti a creare sempre più giochi che ci stimolano a stare sempre su di loro !!!!!

    Risponde

Scrivi cosa ne pensi

*

Post Precedente:

Post Successivo: